Blog: http://Annamarea.ilcannocchiale.it

Film bianco

[…è con totale mancanza di pudore mi permetto di rubare il titolo al famoso (?) film di Kieslowski…]

E’ passato molto tempo, ma di cose ne sono successe poche, se escludiamo una fugace riapparizione del fantasmino ed un breve periodo di vacanza, a settembre.

Nessuna delle due cose è però riuscita a frenare una sorta di caduta libera, un rotolamento sempre più in basso, che mi ha risucchiato in un vuoto fatto di confusione, profonda insicurezza… cibo… vuoto.

Ora però mi sembra di avere un po’ rallentato, o semplicemente ho raggiunto il fondo, anche se a volte resta l’impressione di essere la spettatrice di una vecchia pellicola vuota (me stessa!) che mi scorre davanti, e sullo schermo bianco appaiono solo i segni del tempo, graffi e rigature, piccoli lampi di luce.

Il tempo passa e nulla accade.

Forse un mattino andando in un'aria di vetro

Forse un mattino andando in un'aria di vetro,
arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.

Poi come s'uno schermo, s'accamperanno di gitto
alberi case colli per l'inganno consueto.
Ma sarà troppo tardi; ed io me n'andrò zitto
tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

(Eugenio Montale, Ossi di seppia)

Pubblicato il 20/10/2007 alle 10.17 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web